Indipendentemente dalla categoria sappiamo tutti che i conti “seri” in classifica si iniziano a fare ad aprile, anche se poi ognuno di noi immagina sempre una tabella di marcia per la propria squadra e per le altre già dalle primissime giornate.
Per ovvi motivi noi tifosi giallorossi siamo più che mai consapevoli di questa particolare scaletta primaverile, anche se ogni campionato recita comunque una storia a sè ed è quasi sempre soggetto a periodi cruciali per l’una o per l’altra compagine ben prima della “bella stagione”.

Questo torneo, intanto, (forse prima di altri) sembra aver già delineato in maniera netta quali sono le contendenti al primato oltre al Lecce, per cui possiamo andare a vedere come e perché per i giallorossi è il momento di spingere seriamente sull’acceleratore prima della sosta invernale, come del resto ha anche detto tra le righe mister Liverani.

Domenica la formazione salentina, fresca di riposo e di recupero di tutti gli effettivi, farà visita ad una Paganese che è terzultima in classifica, seppur reduce dal netto successo esterno sulla Sicula Leonzio, ma i campani non hanno mai vinto in casa e oltretutto potrebbero risentire delle fatiche del match di Coppa Italia infrasettimanale sul campo della Casertana.
Il Trapani giocherà a Monopoli, contro la squadra di Tangorra che è in crisi nera di risultati a causa delle cinque sconfitte consecutive, ma resta comunque una trasferta insidiosa contro i gabbiani che sul piano del gioco non stanno comunque demeritando e che fino a meno di un mese e mezzo fa erano posizionati tra i primissimi posti. Il Catania invece affronterà il Matera davanti al proprio pubblico, squadra sempre ostica per via del suo allenatore e che è in netta ripresa dopo un periodo di difficoltà. Per gli etnei oltre alle insidie che potrebbe creargli l’avversario (annoverabile comunque tra le squadre in lotta per la promozione malgrado il ritardo in classifica), potrebbe profilarsi qualche ostacolo soprattutto da un punto di vista psicologico per via della sconfitta nel derby.

Successivamente i giallorossi sono attesi da un ghiotto doppio turno casalingo, contro il Monopoli nell’ultima giornata del girone di andata e con la Virtus Francavilla al giro di boa dell’anti-vigilia di Natale, con il Trapani che invece riceverà il Cosenza al “Provinciale” per poi affron

tare un altro derby, questa volta in trasferta sul campo del Siracusa, quarta forza del campionato; mentre il Catania disputerà due trasferte consecutive, prima in casa della rivelazione Rende e poi farà visita al Racing Fondi, squadra già capace di strappare un punto al “Massimino” oltre che di battere lo stesso Trapani e pareggiare con il Lecce proprio tra le mura amiche.

In buona sostanza, almeno sulla carta, per Lepore e compagni potrebbe esserci la possibilità di incrementare il vantaggio sulle inseguitrici, prima di giocarsi lo scontro diretto di fine anno a Trapani, quella di sicuro prima vera tappa decisiva del torneo prima di dedicarsi al mercato invernale, complice anche la pausa lunga stile Bundesliga.