Fortunatamente la settimana (corta) ricca di polemiche per questioni extra-rettangolo verde non ha distratto la truppa giallorossa, che ha portato a casa una vittoria pesantissima che ci consente di consolidare il primato in classifica in attesa della gara del Catania contro il Cosenza. Non era facile perchè di per sè il Bisceglie è una buona squadra e per di piu’ era chiamata alla classica reazione d’orgoglio che si ha solitamente con il cambio d’allenatore. Pur rischiando qualcosa, soprattutto nel finale, il Lecce si è ben espresso sul piano del gioco, dando ancora una volta una dimostrazione di nervi saldi al gol subito e di ottima condizione sotto il profilo atletico, salendo maggiormente in cattedra nel secondo tempo. E questi sono sicuramente gli aspetti piu’ incisivi nella gestione delle partite in generale ed in particolare in quelle giocate nella seconda parte di stagione. Cosi’ come la panchina lunga, vero e proprio jolly per Fabio Liverani, che anche ieri si è potuto permettere tre/quattro cambiamenti senza stravolgere l’assetto di squadra, ma dando sempre meno riferimenti agli avversari.