Fino a questo momento del campionato il Venezia ha conquistato 25 punti in 21 partite, frutto di 6 vittorie, 7 pareggi e 8 sconfitte (2o gol fatti, 24 subiti, ndr). È 12° in classifica ed ha un margine di 6 punti sulla zona play-out. Una stagione tutto sommato in linea con la rosa di giocatori proposta, anche se in estate il presidente Tacopina auspicava un piazzamento play-off, magari andando a migliorare l’esito dello scorso anno. Fino alla 7^ giornata Domizzi e compagni erano guidati da Stefano Vecchi, poi esonerato dopo 1 sola vittoria, 1 pareggio e 4 sconfitte (compresa quella 2-1 al Via del Mare; foto sopra, ndr), oggi sono invece condotti da Walter Zenga, che dall’8° turno ad oggi ha messo insieme 5 vittorie, 6 pareggi e 4 sconfitte.
Per quanto riguarda il solo ruolino di marcia casalingo, che allo stato attuale è quello che interessa maggiormente al Lecce, la formazione lagunare ha saputo ottenere ben 18 dei 25 punti totali, vincendo 5 volte e pareggiando 3. Solo 2 le sconfitte al “Penzo”, una con il Benvento 3-2 e una con il Cosenza 1-0 (12 reti fatte, 9 subite, ndr).
Nell’ultimo turno casalingo il Venezia ha fatto suo il derby con il Padova oltre il 90° (2-1) tra mille polemiche arbitrali, mentre domenica scorsa è uscito sconfitto dal “Vigorito” di Benevento 3-0, sempre contraddistinto da polemiche arbitrali.
Il capocannoniere della squadra è Francesco Di Mariano (ex giovanili giallorosse) con 6 reti, a segno peraltro nella gara di andata, ma in questa circostanza non ci sarà perchè squalificato (rosso contro il Padova e ha rimediato 2 giornate, ndr). Dopo il mercato di gennaio pero’ dalla Salernitana è arrivato a rinforzare l’attacco Riccardo Bocalon, veneziano di nascita e già arancioneroverde nella stagione 2013/14, a segno 5 volte in 19 presenze con la maglia granata in questa Serie B.