Il Crotone é sicuramente in senso assoluto la sorpresa in negativo di questo campionato. A detta di tutti infatti, da neo-retrocessa, avrebbe dovuto lottare subito per un ritorno in Serie A, alla luce di quanto si prospettava dopo il mercato estivo, consistito perlopiù nel mantenere la stessa struttura di squadra. Passo dopo passo però, la formazione calabrese ha perso terreno, colta forse di sorpresa dal nuovo assetto di questa cadetteria, o complici le voci extra-campo, sta di fatto che è finita addirittura invischiata nella lotta per non retrocedere.
Attualmente occupa il 16° posto in classifica con 26 punti maturati in 27 partite, a pari merito con il Foggia con cui però é in vantaggio negli scontri diretti, motivo per cui -se finisse oggi il campionato- andrebbe a giocarsi il playout. Il ruolino di marcia complessivo é di 6 vittorie, 8 pareggi e 13 sconfitte, con 26 reti all’attivo e 35 al passivo.


La stagione é iniziata con Giovanni Stroppa in panchina, che pero’ è stato esonerato proprio nei giorni immediatamente precedenti alla gara di andata al Via del Mare, finita 1-0 per i gi

allorossi (foto sopra, ndr). In quell’occasione a guidare gli “squali” in panchina sedeva il tecnico della Primavera Moschella, poi sostituito da Massimo Oddo per sole 8 giornate. L’allenatore pescarese infatti si è a sua volta dimesso dopo Natale senza mai vincere, consentendo il ritorno in sella dell’ex tecnico del Foggia.

Con lo Stroppa-bis, le cose sono complessivamente migliorate a partire dal girone di ritorno, nello specifico i rossoblù, stando agli ultimi risultati, sono in serie positiva da 3 turni: con 2 vittorie ed 1 pareggio (3-0 al Palermo, 0-0 a Padova e 0-2 a Salerno). Uno score notevole per una squadra che occupa quella posizione di classifica. Sembra infatti che i calabresi abbiano acquisito una mentalità piu’ “da salvezza”, grazie anche a qualche innesto importante nel mercato di gennaio: su tutti l’esperto centrale difensivo Spolli, a fronte di qualche cessione di lusso, ma probabilmente poco utile alla “nuova causa” come Budimir.
Stando a quanto interessa al momento il Lecce, piu’ nello specifico, osserviamo come in generale il Crotone abbia ottenuto la maggior parte dei suoi punti tra le mura amiche dello “Scida”, 15 su 26, nonostante 1 gara in meno rispetto a quelle disputate in trasferta (13 partite), frutto di 3 vittorie e 6 pareggi. Equilibrio assoluto per quel che riguarda gol fatti e subiti: 16. Le sconfitte casalinghe sono 4 totali, l’ultima in ordine temporale è quella con il Pescara (0-2), lo scorso 18 febbraio.
Il capocannoniere della squadra è Simeon Tochukwu Nwankwo, noto a tutti come Simy, attaccante nigeriano di quasi 2 metri che finora ha messo a segno 8 reti. Decisivo, con una doppietta, proprio domenica scorsa all’Arechi. Giocatore che tra le altre cose era entrato nel mirino di Meluso a gennaio.