Nono appuntamento con le 11 domande di “Quando il calcio era bello” in collaborazione con Il Leccese.it Ospite Giorgio Enzo

1 – Come stai?
Ho affrontato un trapianto 6 anni fa ma ora sto bene. fortunatamente.

2 -Chi eri quando stavi a Lecce?
Un giocatore felice, amato dal pubblico e dalla gente della porta accanto.

3 – Chi sei adesso?
Ora sono in pensione, vivo in campagna con mia moglie, ho due figli e fra pochi mesi diventerò nonno per la terza volta.

4 – Cosa ti ricordi dell’esperienza a Lecce?
E’ stato il periodo calcistico più bello della mia carriera. Non posso dimenticare l’incredibile cordialità e genuinità della gente.

5 – Qual è la “tua” partita?
Più che “la mia partita “ ho “il mio campionato”: quello vinto nel 84/85 con una serie di partite indimenticabili.

6 – Qual è il tuo ricordo migliore?
Nella trasferta di Parma vincemmo con un mio gol da fuori area. Per me fu una settimana fantastica: facevo gol raramente.

7 – Qual è il tuo ricordo peggiore? Era il secondo campionato di serie A. In Lecce Como mi feci male e non riuscivo a guarire per la cicatrice che si era formata sul muscolo. Per fortuna nel finale di campionato rientrai e con i miei compagni raggiungemmo la salvezza con la famosa partita Lecce -Torino 3-1.

8 – Chi era il tuo compagno di squadra con cui hai legato di più?
Con Paciocco eravamo come fratelli. Le nostre figlie sono cresciute insieme e fuori dal campo le nostre famiglie erano spesso insieme.

9 – Cosa ti piaceva/piace di Lecce?
Lecce 35 anni fa era bellissima con la sua tranquillità ed il suo mare trasparente. Ci sono tornato 4 anni fa ed è sempre bella ma, com’è normale che sia, è cambiata. Il mare è sempre lo stesso, meraviglioso.

10 – Cosa pensi dei tifosi leccesi?
Il tifoso Leccese ama la squadra e i suoi giocatori ma

vuole che in campo si dia l’anima. Sicuramente è una delle squadre che porta più tifosi in trasferta, vedi l’ultima a Cremona.

11 – Cosa ne pensi del campionato del Lecce finora?
Il Lecce sta facendo un campionato sorprendente: tutto meritato. Può giocarsi la promozione diretta fino all’ultima giornata perchè corre e gioca bene.

 

Grazie Giorgio!