Secondo quanto reso noto dal Nuovo Quotidiano di Puglia nell’edizione odierna, l’ex attaccante giallorosso e leccese d’azione Mirko Vucinic avrebbe evaso il fisco per addirittura 18 milioni di euro, nel triennio 2014-2017, quando era sotto contratto con gli arabi dell’Al Jazira Club.
Il procedimento dell’Agenzia delle Entrate, sulla base di un’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza e della Procura della Repubblica, è nato sulla scia di altri filoni legati a personaggi noti del mondo dello Sport.
L’ex calciatore montenegrino, protagonista in Italia anche con le maglie di Roma e Juventus, ha affidato le sue memorie difensive allo studio romano Chiomenti, per quanto riguarda il procedimento tributario, all’avvocato leccese Antonio Savoia, invece, per quanto concerne la parte penale.
Ricordiamo infatti che per reati fiscali oltre una certa somma di denaro si subisce la contestazione di dichiarazione infedele, punita anche con qualche anno di carcere.