Oramai si è arrivati allo scontro totale: da una parte Lazio, Napoli e Cagliari sono fermamente intenzionate a ripartire lunedì con gli allenamenti, mentre dall’altra le 17 squadre restanti della massima serie sono contrarie, facendo riferimento al monito dei medici dei vari club che invitano tutti ad avere un pò più di pazienza. Allo stato attuale Lotito, De Laurentiis e Giulini sarebbero nei limiti della legge, avendo dalla loro parte lo scritto del decreto Conte (anche se a breve potrebbero arrivare importanti novità a riguardo).

Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport nella sua edizione odierna anche alcuni club di Serie B vorrebbero ricominciare le sessioni di allenamento lunedì, magari dividendo in gruppi i propri calciatori. Nella giornata di oggi è previsto un altro chiarimento tra i vari protagonisti della vicenda: la speranza è che possa prevalere il buon senso e la volontà di salvaguardare la salute di tutti.

Nel frattempo l‘Associazione Italiana dei Medici Sociali dei Club ha varato un documento ufficiale nel quale viene esposta la seguente linea: saranno i medici sportivi delle singole società a prendersi la responsabilità penale della ripresa degli allenamenti con i calciatori che avranno facoltà di presentarsi o meno in sede per riprendere le attività.