Home Approfondimenti Sigarette mai spente... il punto dopo Brescia-Lecce

Sigarette mai spente… il punto dopo Brescia-Lecce

-

- Advertisement -
- Advertisement -

Quando si perde 3-0 di solito c’è poco da dire in una partita di calcio, invece in questo caso le cose da raccontare sono abbastanza. Intanto possiamo dire che il risultato è oltremodo pesante, non tanto per i demeriti del Lecce, quanto per i meriti del Brescia. Poi che, al netto di una prestazione certamente scialba dei giallorossi, se fosse stato convalidato il gol di Meccariello ad inizio ripresa (come giusto che fosse), ci si sarebbe ritrovati sul 1-1 e molto probabilmente saremmo a raccontare oggi tutt’altro epilogo di match. E questo senza nulla togliere, in senso assoluto, alla vittoria degli avversari, frutto di dinamismo, corsa e pressing alto.
Eccetto Zuta e Falco (?) l’intera squadra di Corini è apparsa tutta sottotono ieri al Rigamonti, per cui diventa difficile attribuire una causa a questa pesante sconfitta, anche se è apparso oltremodo evidente il deficit della formazione salentina in cabina di regia. Purtroppo Majer non ha nelle sue corde quel ruolo, lo si era visto anche con Pordenone e Ascoli, ed il risultato è una prestazione dello sloveno imprecisa in impostazione e confusa in fase di recupero, nella zona maggiormente determinante del campo. A questo punto, dato che di solito tre indizi fanno una prova, è auspicabile che il mister lombardo vi ponga rimedio, magari cambiando anche modulo (4-2-3-1?), vista la distribuzione delle caratteristiche dei nostri tra centrocampo e attacco, ovviamente in attesa di capire quale sarà l’evolversi del caso Tachtsidis.
Per quanto riguarda la difesa, invece, possiamo dire senza timore di essere smentiti, che il fatto di non aver preso gol nelle precedenti tre gare, era solo frutto del caso o dell’imprecisione sotto porta degli avversari. Pertanto l’impiego di Dermaku a partire già dalla prossima partita diventa indispensabile.
Per fortuna questa batosta è arrivata alla terza giornata e per di più nel weekend che precede un turno infrasettimanale, per cui vi è tutto il tempo di resettarla e riscattarsi già da mercoledì sera al Via del Mare, finalmente davanti ad un briciolo di pubblico amico.

- Advertisement -
Matteo Pisacane
Matteo Pisacane
Classe 1983, cresciuto a pane, Lecce e telecronache sportive. Sangue giallorosso nelle vene e giornalista per passione.

I NOSTRI SOCIAL

8,458FansLike
592FollowersFollow
69FollowersFollow
6SubscribersSubscribe